Un altro passo verso la liberalizzazione del motorismo storico: il RIVS riconosciuto anche in Umbria

Con la Delibera della Giunta Regionale (n. 903 del 23 luglio 2012), la Regione Umbria ha riconosciuto ufficialmente il RIVS, inserendo il Registro tra gli enti abilitati ad emettere attestati di storicità al fine di individuare i veicoli di particolare interesse storico e collezionistico cui spetta per legge la conversione della tassa di possesso in tassa di circolazione, come stabilito dall’art. 63 della l.342 del 2000.

Il riconoscimento della Regione Umbria segue quello analogo conferito al RIVS anche dalla Regione Piemonte nel 2010 ed è un altro importante passo in avanti per tutto il movimento rappresentato dal Registro. Umbria e Piemonte sono attualmente le uniche due regioni italiane che, dotate di una legislazione all’avanguardia in materia, consentono ad associazioni diverse da ASI ed FMI la possibilità di emettere certificati riconosciuti ai fini fiscali.

I soci e gli appassionati umbri in possesso di un’autovettura o di un motociclo di età compresa tra i 20 e i 29 anni potranno quindi rivolgersi ai commissari esaminatori RIVS:
-    Pannacci Pasquale: Perugia, via V. Manna 103, tel. 075.5279062
-    Passero Marco: Terni, viale Mazzini 1, tel. 076.3450046

Tutte le informazioni in merito alle certificazioni speciali saranno pubblicate sul sito www.rivs.it nella sezione dedicata alla Regione Umbria.

Regolamento RIVS ufficiale per l'emissione delle certificazioni

 

RASSEGNA STAMPA

La notizia in oggetto è stata pubblicata su TERNI MAGAZINE

http://www.ternimagazine.it/98011/il-fatto/umbria-auto-e-moto-storiche-verso-la-liberalizzazione-con-il-riconoscimento-del-registro-rivs.html

e su TERNI OGGI

http://www.ternioggi.it/auto-e-moto-depoca-il-rivs-riconosciuto-dallumbria-potra-rilasciare-certificati-storicita

diventa
socio    RIVS
crea
un clubcon 75€
assicura
il tuoveicolo
a partire da 90€

Not speaking italian?